Photo of the Day

  • Marzo, 1st, 2013 at 9:46 AM

Che entrino i clown!

Che entrino i clown!

Belle figure

  • Gennaio, 19th, 2012 at 2:16 PM

Quoi de commun entre le naufrage du Costa Concordia, les frasques de Silvio Berlusconi, les piles d’ordures de Naples et l’indifférence des gouvernements italiens pré-Monti pour l’évasion fiscale, un sport nationale de l’autre côté des Alpes ?

» la risposta è qui

Photo of the Day

  • Dicembre, 28th, 2010 at 8:57 AM

In linea con i tempi…

In linea con i tempi…

Indietro tutta!

  • Marzo, 30th, 2010 at 10:24 AM
«Diventa governatore uno dei peggiori candidati di sempre a questo livello di istituzioni, un personaggio televisivo privo di alcuna competenza e noto per essere il segretario di una corporazione che trucca i numeri dei suoi tesserati. Una specie di Sarah Palin italiana, sostenuta da una coalizione piena di personaggi molto poco raccomandabili. Le imbarazzanti simpatie che Polverini raccoglie a sinistra hanno fatto sottovalutare la portata di una sua presidenza, che ha tutto per fare peggio di quanto già fece Storace, a cominciare con l’uso che farà delle nomine in giunta – e non solo – per sistemare i candidati saltati a Roma. Il tutto a scapito di Emma Bonino, una che non sarà perfetta ma meglio il Lazio non poteva trovarne».
(via Francesco Costa)

Il Piemonte avrà un governatore leghista durante le celebrazioni per i 150 anni dell’Italia unita. Il Veneto, rileggendo la Storia una riga sì e due no e ignorando persino l’ortografia del territorio, aspira ad un Serenissimo revival. Sulle rive del padre Po e del profondo Nord l’avanzata dei nuovi barbari, delle loro spade e dei loro spiedi, è semplicemente spaventosa. L’età della pietra, dell’aggressività, dei monosillabi strascicati senza avvertire la mancanza di un linguaggio capace di articolarsi e relazionarsi con i vicini di staccionata. Asterix, forconi e menhir, insieme a trote dell’ultim’ora diplomate al Cepu e gnocche di bocca buona delegate a rappresentare gli stagni di una fantasiosa Padania che per mio conto potrebbe tranquillamente andare per conto suo, invece che impormi la legge dei suoi villaggi e delle sue capanne premendo alle porte di Roma e intascando lo stipendio sulle rovine dei suoi Palazzi.

Grazie – oltre che a una sinistra invertebrata e ai grilli (notoriamente pasto dei rettili domestici) – al leader incontrastato “del fare ciò che gli pare”: dice niente, in Campania, la rielezione di Roberto Conte e di Sandra Lonardo Mastella, e in Puglia la “novità” di Gabriella Carlucci (tipica virago del partito dell’amore – notoriamente cieco – famosa per la sua incompetenza e le sue risse) fresco sindaco di Margherita di Savoia? È contento Gianfranco Fini, dello smarrimento dei suoi elettori di un tempo di fronte ai pupazzi di La Russa e Gasparri? L’unico che potesse dare all’Italia una Destra moderna ed europea sta nell’angolo, a guardare. Mentre il popolo bue, allevato a rincoglionimenti mediatici invece che a coltivazione dei propri neuroni e di un residuo di dignità, premia chi ha voglia di spaccare. Come dire, ormai la musica è quella che gracchia tra gli Amici di Maria De Filippi, no? Come ha detto Mercedes Bresso, mi sento inadeguata a un mondo così, dove conta solo chi la spara più grossa.

Photo of the Day

  • Gennaio, 29th, 2010 at 8:55 AM

[…] Quarto problema: la paletta dei colori di Photoshop. Il presdelcons viene virato sempre in una tonalità a metà strada tra il salmone scuro e l’incarnato prugna (#E9967A o #CC8899). Non è un colore sano e non è un colore esistente in natura: quasi tutte le foto ritraggono un buffo alieno. […]
» Una tragedia italiana.
p.s. Noi chi?

[…] Quarto problema: la paletta dei colori di Photoshop. Il presdelcons viene virato sempre in una tonalità a metà strada tra il salmone scuro e l’incarnato prugna (#E9967A o #CC8899). Non è un colore sano e non è un colore esistente in natura: quasi tutte le foto ritraggono un buffo alieno. […]

» Una tragedia italiana.

p.s. Noi chi?

Una chicca tira l’altra

  • Ottobre, 15th, 2009 at 11:52 AM

ignoranzaDovrebbero votare uno scudo contro le ripetute gaffes, o spalare come dannati cercando di colmare l’abisso della loro ignoranza. Intanto si rivolgono a Lucio Villari credendo di parlare con suo fratello Rosario (certo che sono proprio de’ coccio, direbbero a Roma: lo aveva già fatto l’ineffabile Dell’Utri).

La voce del padrone

  • Ottobre, 7th, 2009 at 9:24 PM

la_voce_del_padroneCi sono parole in cui l’unica commozione rilevabile è quella cerebrale (di chi le pronuncia).

Ma si sa, i poeti – come gli innamorati – non sono fatti per questo mondo [e concordiamo: per lui, senza di lui non c’è speranza].

Le sue prigioni

  • Settembre, 14th, 2009 at 9:40 PM

beataDella necessità di tenere la Gelmini lontana dalla scuola italiana e più vicina ad una buona e tradizionale grammatica.

De/fendere

  • Luglio, 14th, 2009 at 12:51 PM

”[…] La discussione e l’approvazione della legge sono state spostate a settembre: il fatto che persino le riottose e bizzose associazioni dei giornalisti abbiano sospeso il loro sciopero dovrebbe quanto meno fare riflettere i promotori dello sciopero dei bloggers. L’informazione, l’indipendenza, l’obiettività e la libertà si difendono tramite il loro continuo e indefesso esercizio. Mi sembra che questo sciopero non faccia niente di tutto questo, mascherando la propria inutilità dietro un logoro manto di eroismo, retorica e resistenza al censore berlusconiano. Non guasta mai, ma non basta più”.

(via francescocosta.net)

Ovvietà

  • Maggio, 28th, 2009 at 12:42 PM

[…] Ovvietà numero quattro. L’opposizione, in tutte le democrazie, cerca i punti deboli dell’avversario, soprattutto alla vigilia delle elezioni. Dov’è lo scandalo, qual è la novità? Se Piersilvio s’indigna, non ha idea di cosa avrebbe passato suo padre in America, in Germania o in Gran Bretagna (dov’è inconcepibile che i capi di governo possiedano televisioni). Non solo in questi giorni: negli ultimi quindici anni.

Bene: quattro cose ovvie, in attesa di sviluppi. Intanto s’è insediato quietamente il governo Letta. Qualcuno che coordini ci vuole. C’è da lavorare, e il Capo è altrove.

(Beppe Severgnini, Corriere della Sera del 28 maggio 2009)

Profile

Chaosmos
Non solo stelle danzanti



Links